ma che bellezza la vita.

sono seduto a piazza Venezia, sugli scalini dove arriva la luce piu bella del mondo.

dietro le cupole, aldila dell'altare, tra i fori e i mercati di Traiano, un raggio di sole brilla e tira fuori il meglio dalle anime che si godono questa meraviglia.


non riesco a trovare neanche un angolo che non sia bello, neanche il piu minuscolo sampietrino mi lascia indifferente, ho gli occhi bagnati, il cuore spalancato, il mondo dentro la pelle, ogni forma di questa vita entra nei miei brividi.   

una giornata di sole primaverile, esco di casa per un pranzetto nel quartiere san paolo, con il simpatico Massimo che mi porta un riso con verdure, e un impeccabile Cesanese del Lazio.

Arrivo al Colosseo, poggio i piedi sulle antiche pietre dei romani, alzo lo sguardo verso il Grande Anfiteatro Flavio che svetta sul mondo, fino a sfiorare il cielo. 

non mi sembra vero di aver dato per scontato tutta questa infinita bellezza.

sono a due passi da casa mia, siedo nella immacolata meraviglia e mentre ci passaggio dentro è come bagnarmi in piscina nel primo giorno d'estate,  mi sento incantato e  fortunato.

non ci rendiamo conto di quanta fortuna abbiamo ogni giorno.

 viviamo  emozioni sempre diverse, piena di sorprese, piene di distrazione.

ma ci perdiamo la vita, che è li. davanti a noi.

ovunque indirizzo lo sguardo, mi perdo nel completo incanto.

sugli scalini la vita esplode di spensierata liberta. 


guardo i turisti, le ragazze sorridenti e incantate, le coppie che si fanno le foto.

c'è un aria di festa, gioiosa.

intorno, tutto è magico: le colonne, le cupole, i balconi, le finestre, le nuvole bianche, il cielo di un intenso blu, la musica che arriva da un giovane cantautore sulla strada.


mi incammino verso Monti, entro nei  vicoli, mi fermo per un gelato a piazza degli zingari.

Mi gusto il Bacio alla Tequila, cammino su via urbana rilassato,  sorrido e mi ripeto.. MA QUANTO E' BELLA LA VITA!!!  




























scatto questa foto in metro ad una scritta: da una parte si legge Ti Amo, dall'altra Wait!


C'è un  destino  che porta ad incontrarsi o a lasciarsi.

Il destino di ognuno è quello di farci conoscere l'amore.

In amore bisogna avere il coraggio di dire : ho paura.

mi vedo con mio fratello alla chiesa di Testaccio, un cielo poetico tramonta sopra le mura di un antico rione, ancora intatto nella sua romanità.

una serata allegra tra bicchieri di vino e spensierata armonia di due fratelli.

senza far niente di speciale, è stata una delle giornate piu felici della mia vita.

 non tanto per quello che ho visto fuori, ma per come l'ho vissuto dentro. 


se senti il cuore battere e ridere di gusto, hai fatto centro. 


tempo e spazio sono una cosa sola.


Non contare i giorni, fa in modo che i giorni contino.



cammino con mia madre sulla via appia, " a ma, ci hai mai pensato a fare un terzo figlio?"

-no, volevo una femmina, ma sei arrivato tu. quando sei nato non ho permesso a nessuno di mettere bocca, eri solo mio.





ci fermiamo per un caffè, mamma mi ha accolto con la maglia che le ho portato da Malaga, brilla di colori e gioia, ha il sole tra i capelli e sul sorriso, brilla di amore al punto da rendere via appia la strada della gioia.




la guardo e mi sento cosi grato a stare li, in una giornata solo io e lei, un pomeriggio rilassato dedicato ad una donna ancora ragazza, una mamma piena di amore per la vita.  

chiacchiere risate un prosecco in piazza e un aperitivo sostanzioso.

" ho rinunciato a tante cose, avevo delle passioni, lavoravo.. ma tutto quello che ho fatto è stato per amore. Per tuo padre, per voi. Sono stata felice."

- mamma, hai fatto la vita che hai sempre sognato, hai avuto una famiglia, cresciuto dei figli con amore, vissuto tutta la vita con l'uomo che hai amato piu di ogni altra cosa. un amore Piu forte delle difficoltà e dei problemi."






ci fermiamo in un negozio a vedere delle cose per casa, prendo un pensiero per Pierpaolo e la sua ragazza, che è venuta questa settimana in casa ed ha portata tanta serenità e allegria.


Bob viene a prendermi a Colli Albani e andiamo al suo Pub.

Appena entro, sento una canzone che mi ricorda gli anni dell'adolescenza e della ribellione. 


" ma questa è la canzone per Nanni?"

il proprietario mi guarda e con sorpresa fa: ma la conosci?

i brividi passano lungo jeans rimasti appigliati su recinzioni che stavano per consegnarmi alla polizia, le mani insanguinate dei ragazzi che mi tirano su, i cori sulla strada, i sassi dalle finestre.. in un attimo, in una canzone,.. mi scorre davanti il mondo visto dal mio sguardo ragazzo coperto da un cappellino scuro.


una serata con amici, una partita a padel, guardo i loro occhi, scambiarsi racconti mi sembra cosi emozionante, alberto si spoglia in macchina io prendo la guida e questo scambio veloce nel traffico ci fa ridere come bambini. la pizza napoletana e i brindisi tra foto dei bambini che crescono e i nostri ricordi. 

un aperitivo con riccardo dopo mesi, un chiacchiera affettuosa con mio padre, una passeggiata al laghetto con Antonio e l'incontro con uno dei miei eroi del calcio : Francesco Rocca, con cui resto parlare come fosse una persona che conosco da sempre : " sono di un altra cultura, per me il calcio è lavoro, fatica, onestà, rispetto per la gente. " 






























torno in casa, mi godo il letto, la pace del silenzio, le coperte calde, la ragazza al balcone di fronte mette i piedi sulla sedia  e legge un libro, ballo mentre giro per casa, rido di allegria, ascolto Nina Simone e sistemo le mie cose. La leggerezza del sentirsi felici, dello stare bene.







ogni volta che vedo una cosa bella vedo i tuoi occhi.

quando dico alla vita.. " sei bellissima!" .. sto pensando a te.

e guardandoti, mi perdo. e perdendomi mi trovo. trovo il mio amore.

il vero amore, la persona giusta, è chi nella vita ti ha fatto conoscere l'amore che hai dentro.

quella è la persona che non va fatta scappare dalla nostra vita. mai. 

Ti porterei in braccio tra le stelle..

tra l'oggi e il domani,

dove il tempo non mette mani,

dove non ci sto nella pelle.

ti farei sentire come è soffice il lento sciogliersi di una nuvola

ti farei stare li .. in mezzo al cielo, nuda... 

a disegnare l'universo, il Mio.

ti porterei indietro nel tempo, li sulla sabbia,

dove in mezzo alla gente un lieve Ti Amo fece sparire tutti dalla vista.

" che hai detto ?" 

-"niente."


ecco.

sarei restato li, fermo, dentro quell'istante.

sarei potuto morire cosi. felice. per sempre.

avevo il mare, il cielo, il sole, la vita. il cuore che batte fino a far tremare le onde.


Avevo te. 

Che sei il mare, il cielo, il sole, il cuore che batte.  


perche l'amore passa e tu non passi mai.







Commenti

Post popolari in questo blog

E allora vai.

Impara ad amarti.

Cordoba