Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2022

Alfredino torna a casa.

Immagine
Oggi Garbatella rende omaggio ad un bambino di questa città. Torna a casa alfredino, il bambino che un intera comunità di volontari, geologi, vigili del fuoco, operai, psicologi, speleologi, cittadini comuni hanno cercato di tirare fuori dal Buio. Un Buio di 60 ore, dove è caduto per un buco lasciato aperto. Questo murales è stato l'ultimo desiderio di Angelo Licheri, l'operaio che è arrivato fino a toccarlo, a farlo ridere. Mentre le strade si riempivano di eroina ed omicidi e i giornali si riempivano di sequestri e complotti.. Mentre si cercava lo sccop a tutti i costi e di giudicare il dolore di una famiglia, una mamma si stringeva intorno a suo figlio, senza mai fargli mancare la sua voce, le sue urla, le sue lacrime, la sua forza. Roma, come una famiglia, si è stretta intorno a questo piccolo figlio di 6 anni, che faceva fatica a respirare. Alfredino ha ceduto a quello che la vita aveva scelto per il suo cammino. Si riporta a casa 60 ore di infinito amore, la nascita della

Roma campione!

Immagine
 Poche parole entrano in un abbraccio tra gli amici di sempre. Un anno intenso. Questa coppa l'ho vissuta accompagnando questa squadra a cui nessuno credeva.  Vivesse, Bodo Glimt, Leicester e infine Feyenoord. Un viaggio di amore che passa per Tirana e finisce tra le vie del centro di Roma. In una terrazza condominiale, il solito gruppo del muretto, con i figli e le figlie che crescono con occhi sempre più belli. Ci siamo stretti in un palazzo di quartiere, tra bandiere e fumogeni, risate, tensione, birre, emozioni. Infinite.  Al gol, un esplosione che fa tremare la mura. Poi, una lunga sofferenza sfociata in una abbraccio che resterà nei cuori come un momento di indimenticabile amore. Io Andrea, ciro, massimetto, lizio, Riccardo, Alberto.. stretti, in silenzio in un abbraccio che ha scosso le ossa e il cuore.. durato lunghissimi minuti, interminabili minuti di puro amore. Ho dato un bacio alla testa di pamela, poi ho guardato sua figlia, che sorrideva serena.  La terrazza era un o

Da Lucca a Siena.

Immagine
 ancora una volta la vita mi mette in ginocchio: mi lascia steso in terra, incantato sotto il cielo. a piedi nudi, libero.. con tutta la strada davanti a me.  mi sono mosso per i giorni del mio compleanno, come sempre.. per ringraziare la vita di 46 anni di infinite bellezze dentro gli occhi e in fono al cuore. Lucca l' ho girata tutta a piedi ed in bici, accolto da una fresca atmosfera di toscana medioevale. da qui   arrivo ad altopascio, dove conosco una famiglia bellissima. 73 anni, 52 anni di matrimonio .. si sono messi in gioco e da pochi anni affittano le stanze ai viaggiatori. Entro con delicatezza nella loro storia, ci entro con un amore che non so spiegare, come se fossi a tavola coi miei nonni. Mi raccontano il dolore di non potersi godere i nipoti per via di problemi familiari, ma il riscatto di sentirsi vivi e ancora attivi. mi godo il giardino, la pace del paesino, la gentilezze di queste due anime belle e pure. Conosco due ragazze di Verona, infermiere di Emergency, h