si chiama amore.

 da quando sono rientrato dalla turchia ho come scoperto un nuovo me. 

a pochi passi da casa, guardando negli occhi la vita, ho visto la preziosa e unica scia di vento che si porta via le cose, il tempo, la nostra esistenza.

come in un film, ho preso le braccia e le ho spalancate come ali fino a toccare il cielo, il vento, l'aria di Roma che nei giorni di estate brilla come in nessun altro luogo al mondo.


è accecante la bellezza dei suoi tramonti, delle sue notti blu, del fresco che improvvisamente si insinua tra le osterie e le piazza.


l' ho girata con lo scooter, vagando tra i bar, i vicoli, gli sguardi incantati dei turisti.

tra il colosseo e il circo massimo, il cielo mi dipinge gli occhi di una luce nuova, piena di vita.


 lei mette le braccia intorno al casco di lui che guida   su viale trastevere..  " queste cose vorrei dirtelo sopra la techno ... "


su al gianicolo con lucio  Dalla, a Castel Sant'angelo mi accompagna Cremonini, prati, parioli, Balduina..  cantando radiohead, vasco, Gazzè,  Elisa.. Benvegnu guardando la Cupola di San Pietro. 

Bob Marley..  nella luce incantata dell'appia antica. 


parlo coi ragazzi del bar, dei negozi, che incrocio in strada, ai semafori, falegnami, assicuratori, edicolanti,  mi arricchisco di un  infinita umanità a cui sono eternamente grato. 


" guarda un pò... dove ti porta la vita .... " 


















siamo legati dal sud al nord, da est a ovest da un filo invisibile.. da antenati a persone che crediamo sconosciuti, mi sento grato ogni giorno a mia nonna.. che ha portato mia madre in questo mondo.. .che a sua volta ha scelto di farmi cadere in questo sogno con le braccia aperte e il sorriso di un gabbiano felice. 

mentre scendo veloce sul lungotevere.. canto urlando e pensando a lei ... 


" Se Dio sapesse di te sarebbe al tuo fianco
Direbbe: "Son io! Quel pittore son io!", facendosi bello per te..

"

il cielo sopra i fori, da monti a colle oppio, dipinge i viali, i murales, gli occhi del mondo, il piu bello che c'è. 


sul treno una signora mi indica il tatuaggio di un ragazzo ... 


" sai, da piccola, ho avuto uno spavento per una salamandra .. mi fa ancora  senso, anche solo nel vederla sulla pelle di un altro. "

parliamo delle paure, di suo marito morto 16 anni fa per un ictus, della casa a fontana di trevi .. 


"  non ci sono piu tornata li, oggi vivo a san giovanni, li eravamo come una comunita, ci conoscevano tutti, mi farebbe troppo male ricordare quella vita. Da 16 anni non ho mai pensato a nessun altro. Per me l'amore è lui. E l'ho amato ancora di piu quando si è ammalato. "

scoppia a piangere, entro nei suoi occhi con tutto l'amore che posso. 

" scusami se sono scoppiata, non mi succedeva da anni. "

se ne va, verso il mare, elegante  e libera, piena di amore per la vita. 86 anni.


al bar, una signora che ricorda mia nonna, guarda il mio tatuaggio " l'amore vince il tempo. "


" maddeche, ancora che credi alle favole!! solo nei film ..  io vengo da una famiglia di 11 fratelli, quante botte mi ha dato mio padre! 

una volta tante cose non si potevano fare, oggi però si è perso il rispetto. "


un ragazzo che conosco in spiaggia, ha gli occhi luminosi come biglie, saluta tutti,  raccoglie conchiglie insieme ai muscolosi ragazzi africani, sorride e mi racconta : 


"ho vissuto per anni tra guatemala e messico, ora sono tornato, ho  ripreso un terreno che era di mio nonno e ora ci sto facendo un grande orto. "

in metro, una donna rumena mi fa : " ma lo sai che assomigli a Ratz Degan ? con questa barba e questi occhi ... "

ha vissuto per anni con un brasiliano.. poi ha scoperto che era gay . 


Arrivo a trastevere,  prima di vedermi un film all'arena mi fermo per un aperitivo.

L'atmosfera è di quelle rilassanti e coinvolgenti. Si parla di teatro, cinema, poesia.. 

la donna che è vicino a me, si alza e  prima di allontanarsi, si presenta. Attrice, regista, bionda e solare, mi saluta con un radioso sorriso : Spero di vederti presto. "


cammino emozionato tra i vicoli, le piazze, i cinema, le gambe abbronzate, le braccia tatuate,  la luna sopra i tetti, gli occhi dei cani, i gatti sotto le smart.

in questa estate romana ho ritrovato la gioia della condivisione, di ballare al mare fino al tramonto, in spiaggia o a bordo piscina, sotto la doccia, abbracciato ad amici ed amiche, nuotare, stare ore in macchina con gianluca, con gli amici di sempre davanti una pizza, con mia madre e mio fratello alle fraschette, con mio padre al centro, da solo incontrando il mondo, me stesso, la vita.

una partita a padel, una camminata, una pedalata, una birra in piazza, un cinema all'aperto, una discoteca, un teatro, un aperitivo coi piedi sulla sabbia, un concerto, una festa sulla piazza del gianicolo,  

ho scoperto la bellezza infinita dello stare insieme, della spensierata gioia di un cuore aperto e allegro .   

libero, con la pelle grata all'universo. 

piegata dal tempo, baciata dal sole.

passato e presente si abbracciano e si tengono per mano.. fino a scoprirsi parte del futuro, del futuro di ognuno. 

ognuno è parte dell'altro. 


se in un solo attimo, tra mille distrazioni dentro infiniti anni.. realizziamo l'amore.. 














































































































ci sarà dolce e luminoso il viaggio di ritorno a casa. 




Commenti

Post popolari in questo blog

Il coraggio e la serenità.

Cordoba

E allora vai.