Viaggiare.

 Una giornata vissuta in totale relax. Camminare sotto la pioggia, perdermi nei baci delle coppie che si abbracciano tra i vicoli storici.. con i mantelli bianchi a coprirli dalla pioggia e dalle paure.. mi incanto a prendere la luce che esce dalle loro forme..  come se fossero due angeli che escono dal tempo. Per sempre.


Mi perdo nella luce di lisbona, nei suoi vicoli, nel fiume,  nella cattedrale, nei sorrisi delle signore, nei vicoli di alfama,  bairro alto, baia, chado, nella musica, i colori, l'atmosfera.. entro nel luogo con le braccia spalancate.. mi godo il mondo con gli occhi di lisbona, la respiro,  la faccio mia. Entro nei murales, nelle storie dietro un immagine, nel ragazzo che ha lasciato il suo segno disegnando un idea del mondo.  Qualcosa che resta, anche quando lui non ci sarà più. E un altro ragazzo si fermerà dopo cento anni a guardare questa scritta, e forse aggiungere un idea nuova. Come pessoa , che siede al braileira accanto a me, gustando un caffè brasiliano, davanti alla luce di una piazza che mi resterà addosso. A torre, il monastero, il quartiere storico, il cristo, il fiume, il tram vecchio, le piazze, i vicoli, i ciottoli, i murales, i caffè,  il porto, l allegria della gente,  la serenità la passione e il calore. Mi sono innamorato di un altro luogo affascinante di questo mondo ricco di sorprese.

Come l'incontro al teatro con magda, una donna polacca che vive a new york da 30 anni,  separata con una figlia di 20 che vive a Londra. Si avvicina a mi fa.  Che bella barba! La invito a sedersi,  ci viviamo insieme il commovente spettacolo del fado. All'uscita ci fermiamo a bere una bottiglia di vino; mi racconta dei suoi due matrimoni, della vita da single, dei viaggi insieme alla figlia. Magda fa volontariato per gli animali, vegana e appassionata di fitness, ha un approccio molto leggero e sorridente, ama ballare,  viaggiare, si diverte in questa vita da single.

Ridiamo e beviamo, la riaccompagno verso la stanza, ci abbracciamo e poi lasciamo che la serata si sciolga in un dolcissimo bacio.

















































La vita è  lì a guardare tutto ciò che facciamo pensiamo e sentiamo , ci prende a sberle ogni volta che ci ribelliamo, come una mamma forte e amorevole.

Ma ci porta in tavola tutte le meraviglie che ha cucinato, ogni volta che ci affidiamo,  che crediamo in lei, che non facciamo resistenza e crediamo con immacolata fiducia nel suo infinito amore.



 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il coraggio e la serenità.

Cordoba

E allora vai.