Figli dei fiori.

Spazio. Silenzio. Vuoto. Nulla. Bianco. Stop. Niente. Pacata essenza. Profonda e sfacciata solitudine. Dannata e spensierata felicità. C e chi parte. Chi resta. Chi si stanca, chi si abbraccia. Chi trova amore. Chi non riesce piu ad ascoltare. Chi se ne frega. Chi ci riprova. Chi aspetta. Chi corre. Chi sta seduto. Chi da un ospedale guarda fuori la finestra. Chi bacia il secondino che lo fa uscire dalla porta del carcere. Chi ritrova un figlio. Chi ritrova un senso. Chi ritrova le forze. Chi riscopre il sorriso. Le relazioni sono un continuo banco di prova.. provocano costantemente il nostro livello di calma interiore. Penso spesso di vivere al mare, o nel bosco, in realtà piccole, con poche relazioni, sane, serene, dove ci si vuole bene e ci si aiuta. Andando lenti si gusta la vita. Camminare rilassa il cuore e calma la mente. Le relazioni oggi diventano sempre più difficili. Internet ha soffocato ogni incontro reale. La condivisone è totalmente social, virtuale, finta. Le relazioni reali sono quelle fatte di parole vere, incontri veri, abbracci veri. Dovremmo forse chiudere ogni nostro legame con le tv e i social, incontrarsi in piazza, sull'erba, ascoltare musica, leggere poesie, abbracciarsi, ballare, confrontarsi e riprendersi uno spazio dove tornare protagonisti dello spazio che occupiamo, e non omologarsi diventando consapevoli consumatori infelici che passivamente subiscono senza muovere un dito tutto ciò che la società impone: ritmi, costi, programmi,  politici, scelte, cibo, mode, pensiero. La vita è nostra, non di chi gestisce lo stipendo del lavoro che svolgiamo, non di chi distrae l attenzione dai reali valori della nostra esistenza.  Siamo solo noi che abbiamo il diritto di scegliere come vivere e cosa fare del nostro tempo. Nasciamo e muoriamo liberi. Nessuno ha il diritto di scegliere al posto nostro. Abbiamo bisogno solo di un letto e un pasto, per queste due semplici necessità non possiamo mettere nelle mani di estranei tutta la nostra esistenza. Mettendo a repentaglio la nostra vita, il nostro tempo, la nostra libertà, la nostra essenza di individui liberi e consapevoli.

"Una folgorazione che ti arriva improvvisa  quando meno te lo aspetti. È una polvere d'oro che poi sparisce e non ce ne accorgiamo.. ci é passata davanti, e si é appoggiata sulla nostra pelle. felicità è essere in armonia con l'universo. Ed é il nulla. È Perdersi nel momento." Andrea  Camilleri





Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.