La notte.

 Se ci pensi, di notte...  quando tutti dormono.. la vita sembra un'altra cosa.

le strade sono vuote, il silenzio ti abbraccia per farti sentire il respiro del mondo che riposa.

è un silenzio che non tutti sentono.

lo senti davvero, se metti a dormire i pensieri e ti lasci sprofondare nel labirinto della magia.

di notte, non ci sono macchine.. e le persone che girano in città.. sono persone affascinanti.


spesso, sono persone sole.. musicisti, attori che girano un film, giornalisti, edicolanti,  poeti seduti all'angolo di una fontana, scrittori che trovi agli scalini, nei bassifondi del tevere, gente speciale.. che ama starsene in pace, lontano dai riflettori, dai rumori, dal caos.


è di notte che avvengono le meraviglie, è di notte che un artista crea .


perche in quelle ore, l'anima trova spazio per emergere, ha meno ostacoli.


il cuore soffia forte...  fino a portare fuori da una voce un canto, da una penna un libro, da un corpo un ballo, un sorriso improvviso, un disegno sul muro, un quadro, un bacio a tuo figlio che dorme, un fiore sulla testa di lei, piegata su un fianco.


di notte.. in un cielo dipinto di blu.. le stelle portano luce all'interno del buio. 

è la metafora della vita, piccoli fari che ti fanno sembrare luminose anche le ombre. 


il sole della notte è la luna.

sorridente, danzante, portatrice di sogni e di magia, accogliente e protettiva.

nella notte, ci si incontra in sogno.. e mentre tutti si sognano... i sognatori escono a guardare la vita quando tutto tace, quando tutto abbassa lo sguardo e le serrande.


il blu del cielo disegna il passaggio sulla terra di ombre lontane di uomini distanti.


la notte ha una musica diversa, ha il romantico sapore di  una fotografia in bianco e nero.


la notte è il luogo dei sogni.. il teatro delle possibilità.


in sogno tutti si possono incontrare ..  e tutto può accadere.

in un sogno puoi vedere quante scelte ti sono possibili all'interno di una sola scena..


puoi rivedere lei.. in luoghi che non hai mai visitato..


ti ritrovi in un giardino nel prenderla in braccio.. e portarla in casa.

nei sogni.. resti legato alla sua mano in una stretta che ti sembra sfuggire dal tempo.. come se non dovesse mai slegarsi da quella presa.

vedi lei camminare in strade deserte, grandi e luminose.. vie del centro che lasciano aperti i negozi solo per il suo passaggio. 


di notte.. sogni un dolce che ti ricorda il gusto della felicità.. 

il motorino che si accende, i gol della roma.. 

tu in vetta alle cime del nepal.. 


di notte, torniamo bambini..


ci tornano le immagini pulite, limpide.. che descrivono le nostre emozioni piu profonde, quello che veramente siamo e desideriamo. 


di notte,   la gente che esce da un teatro o da un cinema all'aperto .. si ferma al bar per un caffè prima del viaggio. E mentre alza lo sguardo, la luna squarcia il cielo.. fino a farti dimenticare che sei un nome e in un paese con un nome.

sei parte di quel disco lunare e delle stelle intorno.. sei negli occhi del barista che stanco ancora ride di ogni incontro.. sei parte degli scalini e dei sampietrini.. dei gatti che escono da una macchina.. dei tacchi che rompono il silenzio,  dei secondi che sono solo lancette.. sei nel quadro appeso in camera, nel clochard che ti saluta, nei ragazzi che bevono.. nel bacio appena sceso dalla macchina. 

indimenticabile.


nel silenzio che disegna le cose che avevi dimenticato di giorno..nella magia di una facciata cosi bella da tenerti sveglio ..  sei rientrato nel cuore, da una porta secondaria.


è come un tuffo in mare..  un bagno di notte .. quando non vedi altro che i suoi occhi e le stelle sopra il suo sorriso.


ti resta solo il cielo... non hai niente altro da fare che spalancare le braccia e ringraziare il mondo per essere cosi meravigliosamente bello.


come te.


compagna dei miei giorni come dei miei sogni.. e delle mie notti.



vedo uomini soli camminare al buio e lasciare dietro di sè una luce che spaventa ogni paura del tempo.

è come in ogni cicatrice... da una ferita esce un filtro di luce.

è da quella tenebra che doveva passare il risveglio.. 

il giorno, per splendere, ha bisogno della notte.


Guardo Roma.. spogliata delle cose che non ci servono.


elegante e silenziosa.. mostra al mondo tutta la sua bellezza..

di notte, brilla come una sposa che entra in chiesa.


i suoi palazzi, le sue statue, le facciate e le fontane.. 


sono il vestito di una dama che esce di sera e cammina sopra le rovine del mondo.


è come assistere al passaggio di una modella...


non puoi spostare lo sguardo dal suo modo di essere,  dal suo modo di stare al mondo. 


la bellezza della vita.. di notte,  non si può nascondere. 


viene a trovarti nei sogni.. 


che tu sia sveglio o stia dormendo.


quando spengi la luce, torni al cuore.. e smetti di pensare.


















   



Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.