Catania

 In viaggio verso Catania,  sentirmi libero da solo in una stanza, al chiuso e senza luce.  poi uscire  e vedere Roberto sorridente che mi aspetta sotto casa. andare a fare colazione insieme, chiacchierare, ridere davanti  un cappuccino di avena spolverato al cacao  accompagnato da un buon banana bread per entrambi. Andiamo verso il mare chiacchierando e ridendo con il cielo che soffia sui nostri visi allegri e spensierat.i Roberto ha un cuore d'oro;  la sua generosità potrebbe veramente riempire tutte le persone. A chi vuole bene sa regalare il mondo intero. 

appena entrio in aereoporto la luce dei negozi le valigie i volti delle persone incuriosite gli stranieri che arrivano quelli che vanno via tutto ciò mi lascia una una strana sensazione di magia,  una forte adrenalina e un gusto della scoperta, del viaggio in sé come un nuovo modo di vedere le cose. Cammino tra i negozi, mi fermo a bere un caffè, parlo con la signora a fianco, sorrido scambio due chiacchiere col barista che mi elenca gli  aumenti su tutto e le spese che non finiscono mai. Resto ad osservare la luce delle piazze, questa atmosfera, il viavai dipersone e di sguardi, i sapori e gli odori; è per questo che viaggio, non è mai solo per il posto in sé, ma per andarmi a prendere la luce di altre parti che non vedo mai. per farla entrare nei miei occhi nelle mie emozioni e la mia pelle. c'è musica in ognj nuovo incontro con la vita.  c'è magia in ogni luce di un nuovo sguardo. 

 quell'angolo quel vicolo quei colori tra i balconi quelle amiche che ridono tra finestre barocche e tavolini in piazza, un bicchiere di rosso e la luce sul volto di uno spazzino che ride. 

non potrò mai fare a meno di restare incantato da ogni movimento dell' esistenza sempre ricca di sorprese nuove e di momenti unici.


La bellezza di camminare beato per le vie di Catania,  perdermi nelle strade nascoste tra i pesciaroli macellai ed  extracomunitari. 

Palazzi vecchi e sporchi di storia, macchiati di antico,  Barocco,  neri come la pece. Mi introduco nei vicoli, i portoni, i chiostri.  mi incanta questo barocco nero, cupo, pieno di oscurità e arte antica,  con fregi capitelli colonne e angeli. 

 Piazza del Duomo col suo elefante mantiene un fascino antico ed elegante.  Un fiero sguardo di  Sant'Agata nel centro della cattedrale  governa la piazza.  mi prendo un caffè,  due passi tra le finestre e gli archi, prendo una maglia per Roberto, un souvenir per i miei e una maglia simpatica per me.  mi fermo a parlare col signore del chiostro delle arance,  mi racconta le sue spremute mattutine come vitamina c e miglior antidoto ad ogni virus.. e ridendo aggiunge.. "  altro che vaccino"!!   parlo con i ragazzi dei chioschi,  mi offrono uno sciroppo di mandorle e vaniglia,  l'atmosfera in queste piazze èunica. Mi incanto nel sentirli parlare dialetto, sorrido allo spazzino,  mi gusto la spremuta di arance rosse,  ascolto la musica del Padrino, sorrido beato mentre sorseggio un Nero D'Avola della casa.  Piazza dell'università, Piazza stesicoro, piazza Bellini..  le  signore si preparano prima di entrare al teatro,  sistemano i capelli, la mascherina,  il cappotto.  Le piazze, palazzi i mercati,  gli ombrelli appesi ai balconi, ill sorriso della gente simpatica e calorosa,  le baguette col pomodoro fresco portate in un foglio di giornale dalla gentile ragazza in piazza dell'indirizzo.  passano due coppie e cantano abbracciate ... "scende la pioggia ma che fa.. crollo il mondo addosso a me, per amore sto morendo!!!" Sorrido e con me la ragazza del bar.

Arrivano dolci messaggi da Roma,  così teneri da lasciarmi sorpreso.  Non sono più abituato a queste attenzioni ed è tutto nuovo.  è bello viaggiare  e portare la mente ad una persona che ti sta pensando. 

condivido la mia passeggiata con gli amici e la famiglia,  mi diverte la pioggia,  mi fermo in chiesa, in  silenzio,  nell'intimità religiosa del Duomo.  dalla badia di Sant'Agata si vede tutta la città e il mare sullo sfondo;  una chiazza blu blu sopra le pennellate di arte barocca, un balcone affacciato su Catania, una finestra aperta sulle cupole e le statue. 

un quadro chiaroscuro che regala immagini di storia dell'arte ai visitatori.

Torno verso casa grato a questa giornata Gioiosa e allegra. 


" che colpa ne ho se il cuore è uno zingaro e va ...






































































































Commenti

Post popolari in questo blog

E allora vai.

Impara ad amarti.

Cordoba