se apri il cuore entra amore.

vado  di corsa a fare il biglietto sotto la metro.. una ragazza ha i soldi sani e non riesce  a fare il biglietto ... " quanto ti manca?"  -  "50 centesimi." 

le lascio un euro.

due bellissimi occhi sotto una folta chioma di capelli  ricci mi sorridono :" sei un angelo."

-" per cosi poco."

corro verso il vagone, dopo qualche minuto mi viene incontro per darmi  50 centesimi.. che non ho prendo. 

" ti ho offerto un caffè."

ci scambiamo un sorriso ampio, che scalda l'aria cupa di un'umanità con il collo sempre  piegato verso un dispositivo mobile.

le persone ormai sono cosi abituate a stare su quello schermo che si dimenticano di guardare la realtà davanti agli occhi, non si interessano piu al diverso, al nuovo, all'altro, alla luce che è li per loro. 

Perdono curiosità per le cose, per la vita. E credono che quella realtà virtuale sia vita reale. 

Ti vengono addosso, non si scusano, camminano con la testa sempre li, per non perdere neanche un secondo perso da quella realtà.

prendo un caffè al bar del quartiere, dove non andavo da tempo. 

La ragazza del bar mi chiede dove fossi finito, mi parla del suo corso  sul linguaggio dei segni, le sue aspirazioni di lavorare con le persone piu in difficolta. 

Mi saluta gridando ... ." torna a trovarci ehhhh".

pranzo in un bistrot indiano, cammino  tra i poetici vicoli intorno a via del governo vecchio, caffè a via della pace  prima di gustarmi una bellissima mostra di arte contemporanea al chiostro del bramante.

un viaggio nella creatività tra labirinti, sculture, giochi di luce.. un messaggio degli artisti per esplorare il complesso e affascinante mondo del nostro cervello.

pomeriggio in libreria, cappuccino sulla via appia, vado a prendere le mimose a mia madre e una torta dal mio amico fabrizio. 

cammino per le vie di colli alban con il sorriso sulle labbra, saluto chi incontro, mi fermo a conversare con il portiere dello stabile.

mi rilasso in casa dei miei, parliamo e ridiamo, lunghi abbracci pieni di affetto e gratitudine. 

" non so che ho fatto per meritarmi un figlio cosi. "

mi madre è una luce che illumina, ti accoglie sempre piena di amore, prepara la cena con grazia e un cuore piena di gioia, racconta aneddoti sempre con il sorriso negli occhi, come se ogni immagine fosse sempre felicità ai suoi occhi. ti mostra ogni piccola cosa sempre con incanto.

è proprio quando arrivi in una fase della vita in cui non chiedi niente che le cose arrivano.  

quando siedi tranquillo nella posizione che hai sempre desiderato.

in questi giorni una nuova conoscenza sta riempiendo le mie giornate, e non ci ero abituato.

Chiamate, messaggi, audio, foto.. tutto un mondo che avevo ormai messo da parte, concentrandomi e dedicandomi alla mia vita solitaria  e tranquilla.

Quando raggiungi una serenità di cuore è perche hai aperto il cuore.

lei ha 41 anni, è solare, allegra, e soprattutto molto libera.

ci sono persone che ti entrano per chimica ed è difficile staccarsi.

altre per una complicità che è difficile oggi giorno riscontrare nelle coppie.

parliamo di arte, politica, fotografia, viaggi, relazioni, con una maturità leggera, profonda e positiva, molto aperta al fato, senza forzare nulla, senza occupare lo spazio dell'altro.

proprio quando mi ero abituato a questo stare con me stesso allegro e leggero, quando apri il cuore.. entrano cose nuove.

senza nessuna aspettativa, lascio che le cose siano...  
















































































Commenti

Post popolari in questo blog

E allora vai.

Impara ad amarti.

Cordoba