La forza e la bellezza.

 


Sveglio all'alba, libero e pieno di energia. Spingo con le braccia a terra e mi alzo con il petto verso la parete, conscio della mia forza dovuta al riposo e al digiuno.
Il sole entra dalla finestra e scalda il corpo. La gentilezza è  un dono di questa vita, quando la ricevi percepisci il senso di ogni ricerca. Quando dentro di te accogli amore, fuori ne sperimenti il riflesso. È nei sorrisi della barista che mi fa il cornetto vegan al cioccolato, la vicina di casa che sta correndo   toglie le cuffie e mi saluta regalandomi un sorriso ampio,  generoso e contento. La coppia del piano di sotto, lei pakistana lui romano,  mi salutano e raccontano con amore negli occhi i loro giorni in grecia.
È  nel viaggio di marco che è venuto a roma per vedermi, viene sotto casa e mi stringe in un grande abbraccio.
Camminiamo tra i lotti di garbatella,  mi racconti di questa fase nuova, della trasformazione interiore e di un nuovo incontro che ha scaldato il suo cuore. Tra le ombre dei cortili e il sole sui balconi,  camminiamo incantati in una roma silenziosa e magica. Avvolti da questa pace, ci sembra di passeggiare in un piccolo borgo antico, autentico e libero. Ci fermiamo in piazza per un gelato, 3 giovani ragazze parlano e fumano, un bambino ridendo si avvicina a noi e inizia a giocare. Una delle 3 lo viene a riprendere,  ridono e ci salutano,la loro semplicità genuina e la loro bellezza tipica della romane sveglie e simpatiche,  mi riporta ad una roma libera vissuta in strada, tra poche macchine, in un continuo scambio tra persone.

Un ragazzo mi prepara il pranzo con delicata educazione e simpatia, la pace delle strade vuote, il fresco tra le gambe, questa sensazione di magica armonia mi attraversa la pelle e finisce nella mente, ripulendo ogni scoria.
La signora del forno con un bellissimo sorriso mi avvisa che la pizza non è pronta,  un giovane ragazzone africano ridendo mi accompagna a riva, con lettino sulle spalle.." amico, buona giornata!"
Il signore del chiosco si ricorda di me e viene a strungermi la mano, parliamo dei problemi che deve affrontare con contnue multe e tasse nonostante lui cerchi di calmierare i prezzi per i clienti.

Caffè coi piedi sulla sabbia, i colori della spiaggia sono un invito alla nuotata.

Una tavola blu mi accoglie in acqua, viaggio con braccia e gambe nel profondo del mare, uno stato  di estasi mi raggiunge e mi lascio abbandonare in questa quiete beata. Un'esperienza di forza e bellezza, beatitudine e incanto. Nuoto senza fermarmi, solo io e il mare, la forza delle braccia sovrasta facilmente le resistenze, io e il mare siamo una cosa sola, sorretti dell'infinita immensità del cielo.

Mi sdraio a riva, il sole del primo mattino è un bacio di Dio. Sento il calore del suo amore su di me, un abbraccio che genera sulle mie labbra la curva di un sorriso.
In acqua comprendi che è qui il nostro elemento naturale,  siamo fatti di questo flusso incessante e ininterrotto, appena ci bagniamo sentiamo scivolare via tutto ciò che non ci è più necessario,  nuoti di essere parte di questo infinito,  di essere infinito. Il blu si integra nel corpo, diviene im tuo unico vestito che ricopre di luce divina il corpo. Le onde sono la carezza della nostra anima,  il vento accompagna il viaggio. È una libertà infinita questo nuotare senza limiti né confini. Dentro il mare e sotto il cielo, avvolto nel potente fuoco del sole.
In acqua sei totalmente vivo, a contatto con la tua eseenza. Nuoto, poi cammino in acqua,  mi godo questa pace, il silenzio e il movimento fisico,  il vento e la dolce melodia delle onde. Intorno la vita splende nella ragazze che giocano a beach volley, nella mamma che fa volare in aria il suo bambino, nei cani che giocano, nel bacio a riva di una bellissima coppia, i signori che giovanoa racchettoni, bambini che corrono,  una ragazza che sistema la coda dei capelli prima di tuffarsi, chi cammina, chi guoca a carte,  chi legge. Infinite forme, infinita bellezza. Leggo, scrivo, ascolto vasco, faccio le parole crociate, entro in mille mondi, medito e osservo tutto divertito e incantato. Vado in profondità,  dentro me.
L'aria, io vento, il mare.. tutto diventa me.

Una carezza sul cuore mi coccola l'anima.

Sulla via del ritorno, guardo la partita della roma sul telefono, una famiglia si accoda, al gol io rnun ragazzo  esultiamo, i turisti intorno ridono, un semplice gesto ha smorzato le tensione del caldo e della ressa, per lasciare spazio ad una liberatoria risata.






































































Commenti

Post popolari in questo blog

Malaga.

Il sole della mia vita.

Impara ad amarti.