Castiglioncello del trinoro. Lezione di vita

 Mi sveglio al mattino  un improvviso sole mi scalda sua Terrazza che affaccia sulla Vallata e Borghetto di Chianciano Terme Antica sul lago di Chiusi mi rilasso al sole dopo una bella colazione ascoltando il silenzio e ammirando il cielo vado alle terme per dedicarmi una giornata completamente a me stesso quella famosa cura di cui avevo tanto bisogno una carezza sul corpo sulla pelle e sulle emozioni che spesso non emergono restano in profondità soffocati dalla paura. questa acqua calda temperatura delle 37-39 gradi ti porta a sciogliere tutti i pori e le paure le resistenze i blocchi appena sceso in acqua resto con la testa sotto la prima cascata di getto di acqua calda  sulla testa sul collo sulla schiena e comincio a muovere il collo le spalle la schiena le gambe mi allungo e poi mi fermo completamente arreso a questa cascata di relax che penetra la pelle nelle vene e nelle ossa.  tutta questa applicazione di acqua santa di sorgente, di bicarbonato sodio anidride carbonica minerali una cura antiossidante per 4 ore di mattina rigenerante, mi mancava tanto la gioia delle Terme, un Oasi di benessere. in una giornata in cui il sole splende sui Giardini e intorno Sui lettini le persone felici  si rilassano bagnandosi in acqua, io Faccio esercizi yoga, passo da una doccia all'altra, nuoto tra le piscine. Sono circondato da questo bellissimo verde che mi sta abituando gli occhi al rigenerante sguardo delle colline toscane. ovviamente intorno a me sono tutte coppie e come sempre l'unico single sono io. ormai ho instaurato una bella amicizia con il personale dell'albergo e le famiglie che sono qui in soggiorno, soprattutto per percorsi  di benessere.al bar delle Terme conosco una signora spagnola di Madrid con origini tra Chicago Illinois, prendo una tisana mi rilasso sul lettino con il libro e il mio taccuino. in questa Oasi di benessere mi sento in paradiso e penso che ogni giorno dovremmo dedicare a noi stessi   almeno un'ora di relax, al  corpo al cuore e ai proprio pensieri. Alleggerire i propri pensieri, dedicare un'ora al proprio corpo portando il proprio cuore ad avere un disincantato  e spensierato approccio al buongiorno, una leggerezza  di spensierata vitalità, una leggera positività  che aiuta ad affrontare la giornata con meno pesantezza, lasciandosi andare e accogliendo tutto ciò che viene. se non ci fermiamo mai Se corriamo sempre se non guardiamo mai i nostri pensieri le nostre parole le nostre reazioni non potrà mai esserci un cambiamento non potrà mai esserci un ascolto e se non osserviamo mai come noi siamo e come noi miglioriamo o come noi dagli eventi prendiamo spunto per modificarci, se non abbiamo mai questo bisogno, resteremo sempre inchiodati sulla stessa posizione di anni fa. a pranzo mi faccio  Pennette integrali con verdure e zafferano, mentre sono sul lettino al sole conosco una coppia di Roma che sono venuti proprio qui per rilassarsi Un po'. esco dal Centro termale mi incammino verso il centro nuovo, vado in un bar e conosco una signora e parliamo delle proprietà dell'acqua Santa associata agli integratori per il benessere, penso che potrebbe far bene ai miei. prendo un autobus che mi porta a Sarteano,faccio un giro per il borgo antico da lì chiedo informazioni per Come arrivare a Castiglioncello, così uscendo da una delle porte del paese mi avvio verso u borgo medievale raggiungo questo viale che  si intreccia tra la strada asfaltata e quella sterrata, Ovviamente prendo la sterrata piena di buche e sassi curvr monterozzi,  Boschi rumori strani degli uccelli. queste camminate piu sono dure e più mi fanno sentire vivo mi fanno sentire al contatto e connesso con la natura. esco dal sentiero sterrato e appena aggiungo la strada inizia a piovere e più salgo più la pioggia si fa pesante, le gambe sentono tutto il peso di questa salita che sempre più ripida  me la tutta e più salgo più la pioggia si fa debole, piano piano la strada viene illuminata dal sole  che si estende su tutta la vallata.  Sono circondato dalla Val d'Orcia ed ogni angolo mi incanto in questa luce che porta fino al Monte Amiata fino alla rocca di  Radicofani, una salita di più di 6 km che mi porta fino al borghetto medievale, un paesino ormai abitata da poche anime Ma che conserva tutto il suo fascino. arrivo in cima e il panorama che mi attende è un premio a tutta la fatica di questa salita. mi fermo a parlare con le signore del luogo, mi raccontano di un americano imprenditore che si è comprato tutto, erano 40 famiglie, ne sono rimaste un paio, sono rimasti 9 o 10 abitanti; una delle signore mi dice che sono tutti andati via, le famiglie all'offerta dell'Americano non hanno saputo resistere, così oggi sono solo alberghi ma la cosa buona è che sono stati fatti schiavi e sono stati ritrovati reperti di un'antica fortezza dove ancora si può vedere il castello e le mura.


Qui è tutto ciò che ho sempre amato nel camminare, stare in contatto con la natura e raggiungere piccoli mondi abbandonati, lo sconosciuto è ciò che ha sempre attratto viaggiatori di tutto il mondo, i luoghi sperduti e piu lontani e meno raccontati sono proprio l'essenza di quello che vuole l'uomo: conoscere l'altro e capirlo.   in cima raggiungo questo piccolo borgo di poche anime un paesino che era abitato da 40 famiglie Ora ne sono rimaste appena un paio saranno circa 9 A 10 abitanti è stato tutto Comprato da un imprenditore americano che ha fatto di questo Borgo un grande albergo.  nelle Mura, camminando intorno al borgo, mi accorgo di quanto sia distante questa realtà da tutta quella che viviamo in città, non è solo lontanissima da noi, è un luogo abbandonato e solo.  Mi incanto tra le signore, parlarci e vivere la loro semplicità mi restituisce la lettura di un mondo antico ancora vivo. Mentre una pulisce le foglie davanti casa con rastrello l'altra mi dice:" questo americano manderà via anche noi!! da quassù la finestra sulla valle d'Orcia è una terrazza spettacolare che arriva fino alla torre di Radicofani e cammina fino al Monte Amata; si possono vedere anche le singole foglie degli alberi lungo queste strade disegnate a matita , sembra un quadro.  resto incantato sulla terrazza bevo dalla mia borraccia davanti al panorama.  una delle signore mi racconta che qui il lavoro degli uomini è sempre stato quello di andare nei campi o massimo arrivare a Chianciano a fare i muratori mentre le donne erano in casa. Vivevano di agricoltura e lavoravano la terra e ora per comprarsi qualcosa devono sempre scendere  a sarteano che dista più di 6 km.  sulla strada del ritorno faccio l'autostp, passando solo due macchine, La seconda si ferma, è un ragazzo nigeriano, si Chiama Arin.


Chiedo di portarmi a  a Sarteano perché ho paura di perdere l'ultimo bus per Chianciano. il ragazzo mi dice"  Non ti preoccupare ti porto io a Chianciano!"  ha una 500 piena di patatine e fogli sparsi, sorride Sì scusa ed ha uno sguardo così accogliente che mi vien più di una curiosità. lui lavorava come cameriere in un albergo in questo piccolo borgo,  scende giù al paese per comprare la benzina Ora sta andando a Chiusi da un suo amico, non lavora sta studiando l'italiano e ogni tanto  fa i capelli agli amici perché è quello che faceva in Nigeria,il barbiere. mi racconta il viaggio di più di 3 mesi dalla Nigeria all'Italia, è arrivato in Libia è stato arrestato due volte picchiato così tanto in carcere che ancora ha i lividi e i segni sui piedi e alle caviglie; volevano tenerlo schiavo li,farlo lavorare per loro in casa senza mai prendere un soldo.  così lui Grazie a degli amici riesce a fuggire, Come è riuscito  a fuggire dalla Nigeria Dov'è stato in carcere anche lì perché doveva lavorare per organizzazione criminale che lo costringeva a rubare p il petrolio che è la contesa tra criminali e Governo. così il governo l'ha arrestato e una volta Libero è fuggito dai criminali che lo inseguivano. una vita in fuga da un paese dove ora ha tutta la sua famiglia, e a solo 24 anni ha già vissuto violenze carcere e tanta paura, ma la cosa che più sorprende è il bel sorriso e la sua allegria, una gentilezza disarmante.  non vuole neanche un centesimo da me né un caffè mi dice che questa 500 gli è stata regalata da un ragazzo di Chianciano, si trova bene qui ma il suo sogno è quello di andare in Inghilterra o in America dove può farsi capire meglio per via della lingua. ora non lavora e vorrbbe prendere il diploma, i suoi studi Nigeria lo avevano portato a diplomarsi in storia dell'arte. Ecco Queste sono storie che andrebbero raccontate e soprattutto conosciute da chi si riempie la bocca di slogan politici quando parlano di vergogna criminalità delinquenza,  dovrebbero conoscere un ragazzo come Alvin che è sfuggito proprio dalla criminalità e dalla violenza per arrivare fino a qui dopo tre mesi di viaggio e per fare un lavoro di cameriere, ccompagna  me in un posto dove lui non doveva andare senza chiedere un centesimo e si porta sul corpo e dentro tutte le ferite della violenza della prigione e della paura a soli 24 anni di età. questo per me è stata non solo la sorpresa di ragazzo che si ferma e ti accompagna in un posto dove non stavo andando ma una lezione di vita per come reagisce con allegria e simpatia alla vita nonostante tutto quello che ha vissuto.










































Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.