Rientro dalle vacanze.

É cosi bello vedere i visi rilassati dei viaggiatori che partono o rientrano. I sorrisi che trascinano valigie, le lingue che si mischiano, colori di pelle diverse,  di ogni dove,che sanno di  amore, un amore universale. La scoperta non conosce limiti e confini, il viaggio unisce tutti. Nasini francesi, occhi cinesi, visi norvegesi, trecce neozelandesi, tappetini yoga e libri sulle spalle, scarponi per escursioni, una massa che viaggia e vive, l' estate ti riporta il gusto di vivere anche se il gusto non lo perdi mai se sei felice. La felicità è un viaggio che vale la vita, ti fa splendere al mattino senza un motivo, camminare senza sentire il peso delle scarpe, gustarti ogni respiro, ogni secondo vissuto..  e questo ti insegna quanto sia importante viaggiare ma molto di più tornare migliori da ogni percorso.. altrimenti é stata un occasione persa. Dopo 4 mesi dal mio rientro sento che il viaggio non si è mai interrotto, sento di continuare a stupirmi anche quando sono in ufficio, sento di divertirmi anche se non faccio niente, anche stando in silenzio. In ufficio mi capita di conversare con tante persone, e sono sempre di più, quelli che mi chiedono come faccio a mantenere questa tranquillità dopo mesi di ufficio e vita in città; rispondo sempre che la vita non è mai il viaggio in fondo alla piu sperduta natura, sopra la vetta himalayana o la spiaggia orientale, è qui, adesso. Splendida realtà diventa l' incontro con ogni persona, con ogni cosa che vediamo, assaporiamo scopriamo, cerchiamo. L'avventura è  in ogni esperienza che abbiamo la preziosa fortuna di vivere. La sfida da intraprendere è Saper metter un filtro tra noi e ciò che stiamo facendo, spostare l' attenzione dalla nostra personale esigenza ad una più ampia e rilassata visione delle cose, pensando al cuore. Costantemente, senza mai smettere, pensando agli altri, alla bellezza, alle cose giuste. Una vita tranquilla si realizza quando si posa insieme agli ogggetti ogni nostra pretesa, tutto si fa più leggero quando anziché desiderare sempre qualcosa in più si sposa il momento presente come la più indimenticabile delle esperienze. La più importante delle scelte.

Tende, bici, tavole da surf. Negli occhi di chi rientra leggi l' esperienza che li ha riempiti e arricchiti. Quella magia, quel sapore leggero di spensierata pace, quel sentirsi nuovi.. piano piano cade col rientro alla vita di sempre. Come se quella felicità, quella consapevolezza.. si possa vivere e raggiungere solo una settimana o un mese all' anno. Il resto, sono 11 mesi di sopravvivenza, sopportazione, resistenza, sofferenza, stress, accettazione, resa, sconforto. Viviamo davvero un mese l'anno, come se la vita fosse solo la vacanza estiva, l' unica fonte di gioia, chance per ricaricarsi, staccare e stare in pace. Invece io credo che Si è liberi ogni secondo, si può vivere in pace 365 giorni l' anno. Se aspettiamo tutto l' anno l' estate per essere felici abbiamo buttato una enormità di tempo prezioso, un tesoro da vivere incantati ogni momento. La vita non é la vacanza, una mente libera può sentirsi sempre in viaggio, anche a lavoro, non deve aspettare di partire per sentirsi se stesso, per sentirsi diverso, calmo, in pace. Ogni giornata è una occasione unica per ricordarla un domani come un evento eccezionale.  I conflitti tra le persone avvengono perché riempiamo le nostre giornate la mente e il cuore di giudizi, preconcetti e mancanze. Se andiamo in profondità, tutto si calma come un onda che giunge a riva, come un sogno che diventa realtà. Se smettiano di vivere insoddisfatti e preoccupati e iniziamo a goderci ciò che abbiamo, senza pensare a ciò di cui abbiamo bisogno, la vita prende una direzione nuova, si procede lenti verso una rinascita, dove non esiste più Io e Tu, ma un solo mondo fatto di anime che desiderano vivere in pace, libere da ogni sofferenza dovuta all' attaccamento, in cerca di felicità.


Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.