Mi sento protetto.

Mi sento protetto dagli occhi di una bambina che mi lascia un fiore da posare sul Gange mentre le parlo della scuola; dalla ragazza del negozietto indiano che mi sorride ogni mattino mentre  mi da il buongiorno unendo  le mani al petto e aggiungendo delicatamente "namasté";
Dal passo di una vacca, che cerca cibo e compagnia, pura espressione di una
vita compassionevole;
Dalla voce amorevole di mia madre che fatica a lasciarmi andare ma poi cede alla mia sete di libertà; dalla ragionevole e gentile cura di mia zia che mi spinge a seguire la mia strada senza dimenticare di restare saggio; dall' affetto e la comprensione di mio fratello; dallo sguardo emozionato di mio padre che resta dalla mia parte anche se non condivide.
Mi sento protetto dalle donne che mi hanno amato, acccettando le mie paure, i miei limiti, le mie debolezze e i miei attaccamenti. Mi sento protetto dall'azienda in cui lavoro, perché mi permette di avere tempo libero per me stesso e i soldi necessari per vivere di semplicità.
Mi sento protetto dal vento, quando sono solo. Dal sole, quando ho freddo. Da un sorriso, quando giunge la malinconia. Dal Gange, quando i rumori della strada violentano il silenzio. Dalla vita, che mi regala ogni giorno fiducia.
Dagli amici di sempre, quando mi manca la spensierata serata in compagnia.
Dalla gratitudine, che é il risveglio migliore.
Dai treni, che mi fanno conoscere il mondo. Dalla lingua, che permette al viaggio di trovare nomi e storie.
Dagli uomini, che mi accolgono in ogni sosta del cammino.
Dai viaggiatori incontrati e diventati amici, spesso anche insegnanti.
Dalla natura, in sintonia col mio respiro e con il mio passo.
Dalle bellezze del mondo, che mi ricordano quanto sia infinito lo stupore e l'incanto per le piccole cose.


Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.