Parlami d'amore.



Parlami d'amore.
Quando c'è sole.
Quando piove.

Parlami di sentieri mai percorsi.
Dei nostri infiniti discorsi.

Parlami di te.
Di come vivi l'amore per la vita.
Di come sia finita.

Parlami delle lingue del mondo
Del tuo vorrei 
Del tuo profondo.

Parlami dei silenzi
Dei non detto
Di cosa pensi.

Parlami dell'estate.
Delle lunghe giornate al mare.

Palarmi dell'amore.
Della bellezza vista da un balcone.

Parlami di quale mondo avresti scelto
Di quale cuore stava meglio sul tuo petto.

Parlami se è questa la vita che volevi
Se mangi se bevi.

Parlami di come guardi fuori
Di come senti gli odori.

Hai coperte per dormire?
Hai vestiti per uscire?

Parlami di come ti vedi.
Di come siedi.

Parlami del tuo cuore.
Se c'è ancora amore.

Parlami di come stai.
Della bellezza che hai.
Delle cose che sai.

Parlami dei posti che hanno i tuoi occhi.
Parlami della vita.
Della meraviglia che cerchi.

Parlami se ancora ti sorprende un fiore

Parlami di me.

Parlami d'amore.






Sogno Case condivise da tutti.

Volontariato in cui tutti i poveri lavorano e hanno vitto e alloggio. In cui nessuno è povero. Tutti ricchi. Ma senza soldi, che sono solo carte piene di interessi, debiti, guerra, corruzione e sfruttamento.

Sogno una Casa collettiva.

Non più una Famiglia chiusa in casa alla televisione.

La donna  può lavorare come tutti gli uomini.

Chiusa in casa ha crisi d identità, cosi in maniera ossessiva trattiene i figli per sentire di appartenere a qualcosa, ci si identifica. E i figli tendono a scappare perché soffocano.



Ogni persona nel suo profondo cerca la pacificazione, l'armonia.



La pazienza è una strada d'oro. Ti illumina, lo sguardo, la vita. 

La pazienza porta allegria.



Molti credono che le vera libertà sia esplodere, reagire, stufarsi,  alzare la voce, il petto, le mani, puntare i piedi. 

Invece, se proviamo a trattenere, a lasciar correre, a osservare.. a mettersi nei panni dell'altro, a provare compassione, a sentirsi responsabile della gentilezza, della comprensione, del proprio ruolo di portatore di conforto, questa, secondo me, è una libertà senza confini. 

La felicità ha un'etica, una responsabilità morale, non la dobbiamo cercare per se stessi, finirà sempre per deluderci. Abbiamo bisogno di essere felici perché è il mondo ad averne bisogno, la nostra felicità conta, serve per indicare come raggiungerla.



La qualità di una persona si misura dal suo rapporto con la felicità. Da quanta importanza diamo ad essere felici.

Siamo una popolazione mondiale, un mondo di anime al cui più profondo interno respira solo amore.  se tutte queste persone sapessero di essere solo messaggeri di amore... il mondo sarebbe  una sola grande sfera di luce.

Solo essere consapevoli di una verità così semplice e rivoluzionaria metterebbe fine ad ogni conflitto, ad ogni paura, ad ogni dolore.

In questa vita, hai la straordinaria possibilità di guidare te stesso verso la libertà. Puoi essere tu il maestro che hai cercato. Puoi imparare ad essere quella protezione che cerchi sempre in qualcosa di esterno, perché pensi che la più grande paura sia stare con te stesso. 

Invece, quando impari ad amarti, corri a ripararti dentro di te per affrontare con serenità il mondo. 

Guardandoti da uno specchio, puoi capire chi sei veramente e quanto il tuo attaccamento sia figlio di una paura di " vedere."

La tua anima è luminosa. È molto più di questa vita e di questo corpo. 



È dietro il velo che ci oscura la vista, è la preziosa luce che aggancia un corpo fisico all'infinito.

La mia insegnante mi ha regalato un altra delle sue perle:

"La gratitudine è una visione sacra della vita."




Sarebbe forse una buona idea rivedere la qualità della nostra società. La povertà e la ricchezza potrebbero essere eliminati insieme all'avarizia, all'ingordigia, al potere, all'ingiustizia, all'egoismo e all'indifferenza.

Ogni povero può diventare parte di una comunità non semplicemente ricevendo un pasto ma come anello attivo e integrante che svolge una funzione di supporto ricevendo in cambio vitto e alloggio.

Anziché pensare ancora ad una donna che non sia in grado di lavorare quanto l'uomo, si può Invece metterla al centro di una comunità come valore universale di creatività e ingegno, non solo come calda accoglienza in cucina.

Un accoglienza, per come abbiamo strutturato la famiglia tradizionale, che ha portato mamme ad avere crisi di identità talmente radicate da dimenticare il proprio enorme potenziale sociale ed evolutivo. Cosi, la mamma, per sentirsi viva e rappresentata, ha tenuto stretti a sé i figli fino a soffocarli, tanto da farli scappare non solo da casa ma da ogni relazione.

Rivedere la società partendo da un'analisi accurata sulla convivenza tra gli uomini; ci siamo abituati a sentirsi separati gli uni dagli altri, a vivere lontano dalla natura, sfruttando gli animali, chiusi in casa.

La famiglia, per come l'abbiamo concepita, è stata considerata il fulcro della società, spesso tirata in ballo da sermoni religiosi o campagne elettorali. In realtà, è una struttura rigida al cui interno vivono persone che imparano logiche relazionali spesso tossiche, è circondata da porte e muri che la separano dal resto del mondo, ci si abitua a vivere divisi, separati dagli altri come se non si vivesse nello stesso mondo.

Ripensare ad un modo di vivere in cui si sta insieme nello stesso spazio senza vincoli di parentela, in cui ci si aiuta, dove più famiglie diventano una sola, grande, che collabora allo sviluppo di una società, che condivide la qualità della vita.

Una società che non ha bisogno soldi e banche per sopravvivere, che si nutre della stessa terra che coltiva, che dorme nelle case che costruisce, che vive in natura, dove non esiste " tu hai di più, io di meno." , esiste solo " tu sei un fratello, sei come me."

Ogni persona, in quanto meravigliosa parte del mondo, vale come tutte le altre.



Uno spazio dove entrano tutti e tutti collaborano, il cui unico valore universale è l'amore. Uno spazio libero, dove non si paga bollette a nessuno, si vive uno spazio curandolo col corpo e il nutrimento della terra.

Questa società, che sembra perfettamente "normale", va rivista da cima a fondo. Senza potere, banche, potere, ricchi e poveri, divisioni,classi sociali, bianchi e neri.

Quello che è veramente essenziale in questa vita è mangiare, dormire , amare l'altro, condividere, aiutarsi, senza muri e porto che dividono e separano.

Se esistono pochi che si prendono tutti i beni necessari togliendo agli altri, come può esserci uguaglianza tra gli uomini? Chi ha dato il diritto a quei pochi di detenere tutta la ricchezza del mondo a discapito di altri? Hanno forse studiato di più per rubare i beni, fomentare guerre e divisioni, povertà e inquinamento, consumo e interessi bancari?come è stato possibile accettare un mondo così ingiusto e contro natura e chiamarlo anche progresso, democrazia, civiltà?

È progresso fregarsene del prossimo e uccidersi ogni giorno tra fratelli per droga, possesso, rapine, corruzione, mafia, sfruttamento, un parcheggio, una separazione, una idea diversa, una fede religiosa o calcistica?



Giocare esultare cantare ridere saltare correre ballare.. abbracciarsi.. stringersi. Tutte le manifestazioni di libera espressione  riportano l'uomo al suo stato originale di anima fanciulla, innocente, pura.



















Prima di morire ricordati di dire GRAZIE!

Ricordati di ridere.

E poi lasciati andare.


Avere una passione nella vita, ti salva la vita.



Sono passati 4 anni.

24 mesi di camminate, corsi, ritiri spirituali, viaggi, esperienze, conoscenze.

Sono arrivato alla fine di un percorso.

Prima di conoscersi davvero abbiamo una lunga strada da percorrere, in salita, piena di ostacoli e sfide.

Le luci del giorno e della notte, vivere senza fretta, godersi il panorama, andare lenti.

Tutte le bellezze che mi hanno circondato, le persone che mi hanno emozionato, le sorprese che mi hanno sempre spiazzato, gli incontri che mi hanno migliorato.

A volte, se davvero vuoi qualcosa, devi essere disposto a rimanere senza niente, per averla. Rinunciare a tutto quello che è comodo e piacevole è l'azione più difficile per ognuno di noi. La vita è un continuo viaggio. È un maestro che ogni giorno ti invita ad osservare. Ti insegna che ogni cosa che accade è il risultato delle tue azioni.


Hai mai fatto follie d'amore senza pensare alle conseguenze?

Forse, come mi è stato detto nella mia ultima storia.. " tu non ti sei mai impegnato veramente."
"

Quando ti perdo e poi ci ripenso..  "

Forse è così, ho dato tutto il mio impegno nella ricerca individuale, nella solitudine interiore e nell'amore per la verità.


Ti proteggerò restando lontano
Nel silenzio.."

Ho sempre creduto che prima di fermarmi definitivamente in una storia, avrei dovuto risolvere tutti i dubbi della mia ricerca esistenziale.


"
Perfino il tuo sorriso ha la sua scia." 


Ho rimandato e messo via proprio l'amore che andavo cercando. Lo cercavo fuori, nelle esperienze, ma lo avevo dentro. Lo cercavo lontano, lo avevo davanti.


" siamo soltanto bagagli .. "


Quel dentro, quando trova spazio dove esprimersi proprio davanti agli occhi, è realizzato.

Facciamo finta che io mi nascondo
E tu mi vieni a cercare
E anche se non mi trovi tu non ti arrendi
Perché magari è soltanto
Che mi hai cercato 
nel posto sbagliato ...

Eppure, nonostante tutte le mie fughe, paure e resistenze, ho dato e ricevuto amore. Solo un cuore aperto può far entrare e uscire amore.


"Il giorno più bello al mondo l'ho vissuto con te."


Però l'amore fa paura.

Temi che tutto ciò che hai conquistato può crollare in un soffio.

Oggi ho capito che l'amore arriva a premiarti per essere arrivato dove volevi.



-dove vorresti stare adesso ?-

Qui.




Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.