Partire.

Ho scelto di prendere un part time a lavoro; per 6 mesi non ho stipendio e ho deciso di viverli senza troppi pesi. Un eremita cristiano sosteneva che chi ha meno, ha meno da temere.
Cosi ho cercato di vivermi l' india stando tra gli indiani, facendo volontariato e meditando. 6 mesi per giocarmi la vita, sfottermi, sfidarmi e calpestare il Mio Io, sempre ingombrante e troppo invadente. Gli indiani dicono che non ti fa vedere le cose per quello che realmente sono, ti fa vivere nell' illusione.

Viaggiare con pochi soldi si può. Ci sono corsi per insegnare nelle scuole di tutto il mondo,  attraverso il sito International TEFL si può trovare dopo il corso un vero e proprio lavoro che può farti entrare in contatto con la realtà di un luogo, aiutando in un villaggio o in un monastero. Con Couchsurfing una volta registrato potrai avere ospitalità gratuita ovunque nel mondo. Puoi fare esperienza spirituale in un monastero, entrando in relazione con te stesso e ricambiando con una semplice donazione volontaria. Con Workaway puoi trovare infinite opportunità di lavoro e volontariato in cambio di vitto e alloggio. Dai soggiorni in villaggi, ai lavori in casa, dagli aiuti negli ostelli alla vita in fattoria,  dalle lezioni di inglese ai bambini alle esperienze di permacultura. Io ho scelto per il momento il sito Workaway.  Basta registrarsi pagare la quota di iscrizione e scegliere  dove andare. Dopo i viaggi in asia alla ricerca di impatti piu autentici, stavolta voglio provare con pochi soldi a vivere il viaggio senza un proposito ma solo per il gusto di viaggiare, nel senso di vivere, vedere, entrare in contatto, essere parte di una realtà e dare il proprio contributo ringraziando per l'ospitalita. Dopo Delhi Agra e Mathura,attraverso workaway ho trovato il progetto del Vindrakunj, che ospita e accoglie volontari fornendo alloggio all' interno del loro Ashram, devoto al movimento Hare Krishna. Nel centro si canta all' alba, si medita, si leggono scritture e si tengono lezioni di Yoga. La struttura è un posto silenzioso, con un giardino circondato dalle mure antiche del tempio, offre pasti a colazione pranzo e cena con tariffe diverse per ospiti o volontari.
Il centro collabora con la comunita aiutando nelle strade, ripulendo giardini e spiagge dai rifiuti, si attiva per assistere i piu bisogni fornendo cibo, gli animali fornendo assistenza in una struttura apposita, i bambini in un villaggio dove é stata costruita una scuola per farli studiare. Ora sto vivendo nel loro Ashram.

Vivere in ashram è un tentativo riuscito di condurre un esistenza semplice, lenta, tranquilla, condivisa, di contemplazione e pratica. Mangiando sano, vivendo di poco, in un luogo silenzioso, con scimmie che volano libere da un albero all'altro e scoiattoli che scivolano dietre le panchine del giardino in cerca delle loro ciotole.Si lavora insieme, si aiuta chi ha bisogno, si agisce con compassione e senso etico. Meditazioni, yoga, canti, e poi costruzioni di scuole per bambini, sostegno alla comunità, ai villaggi, alle campagne di raccolta fondi per recuperare aree abbandonate o salvarle dai rifiuti. Da quando sono qui non ho mai notato tensioni. I momenti fragili, i dubbi e le tensioni passano anche da queste parti ma l'energia positiva e la condivisione é tale che difficilmente puoi sentirti solo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.