Amate ridete e divertitevi.

 Non è il ricco il più felice del mondo..


È il felice il più ricco del mondo.







Chi ha dentro di sé luce.. arriva a chi lo circonda. È come quando sei raggiunto dai raggi del sole, non puoi resistere a quel calore che ti arriva addosso,  sei talmente attratto dai suoi raggi che non puoi fare a meno di voltarti verso quel riflesso, la tentazione di prendere quella luce è talmente forte che non puoi non cedere al suo fascino e farti catturare.







È come andare in giro con una torcia..











Per essere una brava persona devi essere coerente con le scelte che fai.




Mi sento fortunato di poter assaporare le cose, di saper accorgermi dei momenti preziosi, della vita che ho dentro e davanti.


Sono fortunato di aver imparato a dire GRAZIE, a saper riconoscere l'amore nelle cose straordinarie che vengono considerate ordinarie: io e mio padre che 

passeggiamo a villa borghese e lui mi racconta di quando ci andava con gli amici o quando con mamma mi ci portavano per giocare sulle giostre o per vedere le marionette; mia madre che entra in camera e mi serve un piatto con pane fritto e acqua raccontandomi delle merende che preparava nonna aggiungendo pomodorini freschi.


Le piccole cose che accadono ogni giorno sono preziose e giganti.




La vita di un ricercatore spirituale è Un dialogo diretto con la propria anima, ad occhi aperti, una conversazione sincera dove si può vedere in faccia quello che siamo e cosa siamo venuti a fare qui. forse quello che veramente ci tiene in un limbo, una catena da cui non riusciamo a liberarci e che ci fa  seguire da millenni gli stessi sbagli, gli stessi modelli comportamentali è proprio questo non conoscere con certezza la verità.

 pur sapendo che la vita è un mistero, fingiamo di credere che sia tutto materiale, fisico, una ricerca del piacere senza nessun altra dimensione. 


come può non esserci una dimensione intima profonda e spirituale quando non sappiamo dove andiamo, perché nasciamo, Qual è lo scopo di questa vita e dove andremo. nessuno sa cosa ci sarà dopo la morte, non riesco a credere che la vita abbia senso solo nella nostra identificazione del bene confinata ai nostri affetti familiari, alla nostra vita di coppia, Ai figli, la casa  il lavoro, alla salute del nostro corpo. sarebbe veramente vana questa  esistenza se  la nostra vita fosse separata dal  resto,  se fosse più importante degli altri e che noi siamo qui solo  per provare piacere.  non ce ne accorgiamo ma viviamo tutta la vita da persone egoiste.  non perché lo siamo ma perché il modello che  conosciamo di esistenza è tutto concentrato su noi stessi, sui nostri desideri e sui nostri bisogni. la vita in realtà è un solo grande cuore che unisce tutti, non potrebbe essere Altrimenti.

se ci limitiamo a proteggere il nostro corpo e la nostra idea del mondo resteremo prigionieri di un dolore sempre più grande,  dolore nato nella mente e diventato sempre più potente. siamo noi a dare forza ad un'illusione,  ci ostiniamo a non voler vedere, a non voler gioire, capire, essere. la non conoscenza della vita è la fonte di ogni dolore.


 basta sedersi ed aspettare; stare in silenzio e vivere.


 gli occhi , finché sono manovrati dalla mente, non potranno mai vedere le cose per come in realtà sono. 


 non ho tempo per avere pensieri pesanti, ho solo tempo per godermi il relax, il sole, la musica jazz.



 la finestra del cuore aperta sul mare, gli uccelli sulle spalle, i colori delle foglie, il silenzio tenendosi per mano, il rumore delle onde, il canto di una donna,  il risvegliarsi felice, Un abbraccio  che ti stringe il petto, la vita che si concede.






" Abbiamo sempre paura di non ricevere ciò di cui in quel momento abbiamo bisogno."











… C'è dolore 
Che dolore dentro me quando piove 
Quando piove e tu non stai con me ....."








Luce del mattino in viaggio da un tram fino al mare, colazione al sole, i ragazzi gentili del bar a Piramide, musica Jazz alle orecchie  giornale sul trenino per Ostia,.arrivo in questo specchio che mi ricorda la mia vita, mi ricorda cosa sono, mi ricorda casa.






 l'emozione ti strofina il corpo fino a farti vedere il cuore. Te lo trovi davanti, lì, che ti guarda.  e allora , in quel preciso istante, mentre senti L'odore del mare il sapore della sabbia il colore della spiaggia e un lieve delicato suono proveniente dalle onde; lì, in quel preciso istante, comprendi tutto ciò che sei. comprendi tutto ciò che hai e che hai da dare, tu sei dentro quel cuore e quel cuore è la ragione della tua esistenza e la ragione dell'esistenza intera di ogni essere. non c'è altra finestra che possa spiegare meglio cosa siamo, Cos'è la bellezza, cos'è la vita. il cuore che  può essere anche disegnato con una matita blu, raffigurato nel volto del mare, rappresenta la bellezza della vita ma soprattutto è tutto ciò che siamo, la verità limpida, quella che senti quando lasci cadere la tua testa dentro le onde. quella leggera e splendida, totale e completa, infinita e piena di amore.







Il mare come il cuore c'è sempre al di là delle nostre vite, di questo tempo e di quello che verrà, delle malattie dei corpi pieni di paura e di dolore, non ha nomi, non ha confini e continua dopo la vita, è infinito, infinito amore.

 se strofini con tutte te stesso spazzi via  ciò che non ti serve più e ti resta  L'essenziale.







Chiudi gli occhi e ti senti per sempre cosi...









Cammini sulla sabbia, siedi sul tram...giri in città.. ti fermi in un bar.. costantemente allegro, dolce, positivo, leggero ....

  l'amore, visto dalla parte del cuore, ti solleva dalle paure, ti toglie Come fosse sappia tutti i rifiuti E i pensieri nocivi dal corpo e dalla mente.  tutte le immagini che hanno sfocato la tua conoscenza, la tua libertà.. vanno via come granelli di sabbia da te, per sempre.  la vita, vista dagli occhi del cuore, è infinita Estasi, canti di liberazione,  danza di gioia. Vedo intrecciarsi le vite delle persone,  è un incanto vedere la luce Del Mare sopra i volti, il sole che cade sulla pelle, il cielo che veglia su tutte le esistenze, accomuna tutti, libera le vite dalle rigide distanze, senza chiedere Quali siano stati i  gesti o la loro provenienza, hanno tutti diritto ad essere felici, tutti diritto ad essere perdonati e a ricominciare.






Quanto è bella la vita vista da qui.  sembra un sogno.





 guardo i sorrisi, gli occhiali da sole, i bicchieri sui tavoli,  la luce delle onde, il mare calmo, la gente che passeggia.. sembra estate eppure siamo in autunno nel pieno di una pandemia che sta incattivendo l'intero pianeta, un terrore mediatico a tappeto  che sta sconfiggendo anche il piu libero degli umani.





Vorrei conoscere i desideri non espressi di mia madre, le cose non dette, i sogni più segreti.


 i dolori di mio padre, Tutto quello che avrebbe voluto e non ha mai detto a nessuno.


 Dovremmo avere tutti la libertà e il coraggio di dire sempre tutto quello che abbiamo dentro al cuore, senza paura di essere giudicati, senza paura di dover dimostrare di essere cambiati, di aver corretto modificato alleggerito o indebolito una parte di noi che era diventata troppo dura. invece portiamo sempre protezione e  maschere come se dovessimo uscire da casa per andare in battaglia.


Le donne amano più di ogni altra cosa in un uomo il dono di farle ridere.


perché la loro attitudine o prevenzione è quella di andare a fondo, di cercare certezze, sicurezza, profondità.  quando le fai ridere, loro si sciolgono.. perdono tutto la pesantezza dei pensieri e delle aspettative, le paure scompaiono, tutto si fa più leggero, morbido, tenero e rilassante.  le donne considerano sempre L'uomo semplicione e un po superficiale, ma a volte è proprio quel lato di cui hanno bisogno per compensare la loro discesa troppo ripida nel mondo sensibile.

inconsapevolmente, la donna cerca nell'uomo più che la sicurezza, la leggerezza, il divertimento.


" Fare felice qualcuno è la piu grande felicità."





Un compito non facile è Correggere le tendenze che riflettono ciò che non sei.






È troppo facile dare la responsabilità della nostra infelicità ai poteri occulti, ai politici, ai potenti, alle tasse, al compagno o alla compagna, al datore di lavoro, ai colleghi o allo stress.. la responsabilità della felicità o infelicità è solo e sempre nostra.


Le relazioni sono ciò che condiziona le nostre vite. Anche se hai avuto nella vita solo due o tre relazioni, che possono essere una sorella e i genitori, anche solo quelli, possono condizionarti l'intera esistenza. Siamo vincolati a ciò che abbiamo conosciuto, ricevuto, non avuto, sofferto o accettato. 


Tutta la vita andiamo in giro con uno stampo che non riusciamo più a toglierci.


Ma in realtà, noi,.non siamo quello che abbiamo visto e vissuto, ciò che ci hanno abituato a credere o come ci vedono gli altri; noi siamo un totalmente libera e pura essenza che vive esperienze ma non è quelle esperienze. Resta immacolata, natura a sé, indipendente e legata spiritualmente a tutto il resto. Non ha pesi da dover far pagare ad altri, ha solo doni da portare in giro.


Quello che sei dentro lo troverai riflesso fuori. Se ti capita qualcosa di diverso da te non è perché sia sbagliato, ma perché deve aiutarti a capire ciò che non conosci. Se vedi che gli altri ti feriscono è perché tu non ti sei ancora perdonato e accettato.


Basta aprire il cuore per trovare risposte semplici.


La più sacrosanta e vera che ho imparato è che ogni giorno ho l'occasione per divertirmi e gioire, senza prendermi troppo sul serio.




..."Torneranno i cinema d’estate

Le corse a casa dopo il mare


Le lucciole a Roma come diceva Lorenzo

E sarà bellissimo di nuovo

Tanto Roma è bella sempre

Quasi come noi."







"Il problema è che cerchiamo qualcuno con il quale "invecchiare insieme"... Mentre il segreto è trovare qualcuno con cui restare bambini."


Charles Bukowski







Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.