Incanto.

I giorni passano, le emozioni come aquiloni volano sopra i secondi, sopra i sogni, sopra i ricordi.



Una via che nessuno sa è per te il meglio dei momenti.

Mi accorgo che lo stupore è il mio maestro. Mi incanto a seguire la pioggia, a sentire i suoi odori, a vedere quando si infrange sui balconi.

È rivoluzionario solo colui che ammette a sé stesso di necessitare un cambiamento.

" ama la vita che vivi!! E vivi la vita che ami!!!" Bob Marley



È una responsabilità ricordarsi ogni giorno della felicità.

Siamo costretti a scegliere una strada, anche quando non è la nostra.

Le cose sono rose, il domani è lo stesso di mille ieri, siamo un onda che si infrange su ciò che non esiste.

La trasformazione interiore avviene quando accetto ogni evento che si posa sulla mia strada.

Quando amo ciò che sto vivendo non entro in conflitto con quello che non mi piace. Se comprendo la natura illusoria di ogni pensiero negativo, mi abbandono al momento presente affrontando con serenità ciò che va fatto.

Se cambio i pensieri, cambia la frequenza interiore. Cambia la capacità proiettiva della mente.

Il processo interiore di accoglienza mi protegge da ogni fattore esterno.

Se sono in contatto con la mia natura infinita e priva di paura, eterna e gioiosa, resto saldo, felice, imperturbabile.

Se vibro gioia, quello che vibro, nel tempo, si realizza.

E mi trovo nella vita che amo.



Tutto parte dalla mente. L'amore per la vita, il frutto della nostra infinita bellezza che si rispecchia nel mondo, giace nel cuore della nostra anima, ma finché saremo legati alle catene della mente condizionata, ci sentiremo sempre con la testa sott'acqua, come in debito di ossigeno.

Quando ci accorgiamo di essere liberi corsi di acqua che si intrecciano con altri nello stesso affluente che è il mondo, allora iniziamo a vedere la vita, a sentirci parte, a capire che i pensieri che arrivano sono solo foglie del vento che passano sui capelli e poi cadono a terra, si infrangono insieme ai secondi.

La luce che un cielo disegna nei nostri occhi è la stessa che noi posiamo nella mano di un altro nostro fratello.



Siamo qui per attraversare gli ostacoli che ancora si intromettono per oscurarci la vista e non farci crescere.

La musica che sentiamo ogni momento che viviamo,  nel nostro petto, tra le vene e tra i capelli, nel passaggio di un brivido, nel suono dolce di un respiro, nel calore di una carezza, è la danza di ogni anima caduta tra noi, a percorrere lo stesso tragitto, è il concerto silenzioso del mondo che ci comunica senza sosta messaggi d'amore.

Tutto ciò che sentiamo dentro lo vibriamo fuori.



Se osserviamo la mente che non finisce mai di farci inchiodare nelle nostre paure,  Possiamo scegliere di non seguirla.

Possiamo scegliere di divertirci, di goderci la vita, di penetrare il tesoro nascosto della nostra anima e svelarne il segreto.

Ogni volta che ci crediamo separati da un altro, siamo soggiogati dal gioco della mente.

Ogni persona è un sacro tempio che non sa di avere al proprio interno tutta la ricchezza del mondo.

In ogni dolore troviamo le ali della libertà, in ogni debolezza rinasciamo più forti.

Siamo libertà che si ribella alle menzogne della mente, siamo luce che vibra ogni secondo, siamo momenti magici, luminose stelle che illuminano le città e l'intero mondo.

In ciò che non conosco e non ho mai esplorato si realizza il viaggio che percorro tutta la vita.

Ogni strada non percorsa è li ad aspettarci per mostrarci la verità,la nostra natura.




„Ho imparato che ogni giorno dovresti spingerti a toccare qualcuno. La gente ama una carezza affettuosa, o soltanto un' amichevole pacca sulla schiena.“ — Maya Angelou

Viaggiare è scegliere di vedere i posti che nessuno sa, dove nessuno va,i luoghi che non conosciamo ci raccontano  il profumo segreto di un attimo vissuto con incanto.

Senza chiedere nulla in cambio, quando ci abbandoniamo, siamo noi stessi il puro incanto di un momento.

In cuor nostro, il segreto è già svelato.



Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.