Liberi sognatori






Cammino per il quartiere isolato e tranquillo.. e questa tranquillità mi porta ad osservare ogni piccolo dettaglio della bellezza intorno. Intorno al parco le magnolie invitano al risveglio, sono voci silenziose che parlano di vita, i vicoli deserti, papà che escono dalle case per giocare coi bambini, sui balconi mamme che curano le piante insieme ai figli, altre che mostrano esercizi ginnastica alle figlie. È tutto nuovo quello che si muove intorno, i pensieri e gli stimoli sono nuovi, la creatività viene messa in moto ogni giorno da nuove idee.



Le uniche macchine sono della polizia. Penso al senso di pace che si respira e alla pace che ci manca in questi strani giorni.



Continuiamo a fabbricare armi, a costruire caserme, a creare palazzoni dove si decidono i conflitti che non ci raccontano mai.

Ci sono persone senza un piatto di pasta e senza un letto ed altre che hanno 10 ville grandi come quartieri, ci sarà qualcosa che non ha funzionato in questa società del progresso?

Penso che senza i poveri non ci porterebbero essere i ricchi, e senza i ricchi non ci sarebbero poveri. Senza schiavi, non porrebbe andare avanti la macchina schiaccia sassi che crea prodotti, che crea soldi, apre industrie aziende, gruppi di potere e multinazionali, faccendieri e mafiosi.. in quale super villa staranno "soffrendo" la quarantena?

Come ci possono parlare di giustizia sociale se lasciano ancora speculare e lucrare personaggi che vivono sulle spalle di chi paga tasse e non dorme la notte? Tutti gli affari sulle mazzette i permessi gli appalti i voti di scambio.. 30 40 anni di verità nascoste e morti innocenti, chi la paga questa società dell'indifferenza e del.malaffare? Se oggi c'è povertà, la colpa è dei poveri?

Se un ragazzo non trova lavoro senza aver potuto studiare, come se lo crea il futuro? E poi se va a delinquere il mostro è lui e non la società che non lo ha difeso. Se lo stato è connivente, se le istituzioni sono assenti, la politica è collusa e l'economia ingrossa le tasche dei soliti e indebita tutti gli altri, come può esserci giustizia e pace? Ma possibile che questo lo deve scrivere un blog e mai un giornalista che da più di  trentanni  ha le maschere sul viso che coprono la puzza gli occhi e la bocca?

20 ore di trasmissioni che non dicono mai niente. Mai uno che indaga, mai uno che riapre indagini, hanno speculato su mezzo sud e loro che fanno? Parlano di spettacolo, di sanremo, di cucina.

Poi ci dicono che i bambini devono stare a casa, che non possiamo dire sempre si, e va detto anche no. Ma perché non dite ai bambini che mondo state lasciando, perché non insegnate loro a dire si alla vita e non ai compromessi, si alla verità alla ricerca al benessere allo studio alla natura, alla libertà dello spirito, alla libertà mai condizionata dagli schemi imposti dalla società del profitto. Possibile mai un giornalista che mette in discussione società del profitto? Una società che ti fa pagare macchine a rate e se non cea fai sei in fila per mesi fuori le banche per altri prestiti o fuori equitalia per salvare la tua casa. Gente pignorata, e tu, che per farti la decima villa sei passato sui cadaveri, non pensi che a costruirne un altra.

Come può una società reggere, se tenuta in piedi da pochi che hanno tutto e altri che hanno niente. S Invece di 10 ville inutili si pensa a dare una piccola casa a tutti è utopia? Se le risorse Invece di essere rubate con la guerra a tutti i popoli piu poveri, vengono ridistribuite e condivise, se la terra diventa un ritorno alla natura dove poter aumentare la produzione di prodotti sani e lavoro per tutti, invece di fare palazzoni su palazzoni e centri commerciali che non servono a niente? Si può andare avanti 4 macchine per famiglia, benzina che cresce, mutui usurai prestiti tasse e stress, e nessun giornalista che dice mai fermiamoci un attimo????

Ci sono stati liberi sognatori che hanno detto no al pizzo mafioso come LIBERO GRASSI, che hanno vissuto a piedi scalzi
e a testa alta. Mario francese, un giornalista che ha indagato su una diga. Renata Fonte, assessore alla cultura che pagato con la vita la difesa della sua terra. Sono 30 anni che nessuno fa un inchiesta, nessuno che urla quanto pesa il martirio di troppi innocenti che hanno difeso la nostra dignità di italiani. Ma come si può ogni giorno fare informazione per 20 ore al giorno e non dire mai niente che arriva al cuore della gente? Hai un mezzo che può mettere in ginocchio le menzogne di una vita e invece fai spettacolo, gossip,.. e , dulcis in fundo, mi fai anche la morale. Stai a casa, ai bambini dovete dire no. Ai bambini dobbiamo dire di ribellarsi a chi ti dice di tacere. Ai genitori che non ti dicono la verità, agli insegnanti che non ti fanno leggere quello che non si può dire, ai politici che si nascondono, ai banchieri che mettono i vestiti ai mafiosi e strozzano i cittadini onesti, ai bambini dobbiamo dire di spegnere la tv e stracciare i giornali. Uscire fuori a giocare, fare ricerche per scoprire la verità, guardare il mondo per scoprire la vita. Vivere a cuore aperto, liberi di essere se stessi anche a costo di restare soli, anche a costo della vita.

Gente diventata miliardaria per non dire mai niente di vero, per essere e ipocrita e non dare mai.. MAI fastidio al potere.

Ogni volta che vado in Sicilia passo davanti la colonna dedicata a Falcone. Mi fermo con al macchina, guardo i fogli e le scritte. Resto li, ascolto il vento della libertà e piango. È il mio omaggio ad un uomo onesto, ad un coraggioso uomo libero. Se non chini mai la testa, non morirai mai.

Quando guardo il nostro mare.. non penso piu a niente e mi riconcilio con tutto.

E mentre vedo come lo stanno uccidendo,penso ai programmi giornalistici che parlano di fazioni politiche; mi viene da sorridere, con amarezza.

Ascolto la musica per farmi consolare da una parte sana del paese.

Con la musica si pensa anche meglio. Fa bene al cuore.



Se perdiamo l'amore per la verità, è come perdere l'anima.

Se perdiamo l'anima perdiamo l'amore.


Commenti

Post popolari in questo blog

Impara ad amarti.

La felicità non va mai a dormire.

grazie.